Psicomotricità in gruppo

La psicomotricità di gruppo rappresenta un’occasione di crescita, di scambio e condivisione, con dinamiche e relazioni diverse dal percorso individuale. Infatti, il luogo sicuro e ricco di proposte e la conduzione da parte della professionista, fanno emergere i punti di forza  e le potenzialità dei partecipanti con particolare attenzione rivolta allo scambio tra pari, all’intersoggettività, alle attese ed alle varie possibilità di interazione che caratterizzano il gioco in gruppo.

Questa attività è indicata per i bambini che presentano tratti inibitori e faticano nella relazione con l’altro, ma anche per i piccoli che faticano a stabilire legami con i pari facendo riferimento solo agli adulti. Le dinamiche della attività psicomotoria in gruppo possono sostenere inoltre i bambini che presentano difficoltà nell’attesa del proprio turno e impulsività.

Nella sala grande dello Studio Rebus, verranno accolti gruppi di psicomotricità di 4 bambini, omogenei per età, dalla terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva dell’equipe.

La creazione del gruppo, gli obbiettivi e la programmazione delle attività, avviene a seguito dei colloqui individuali con i genitori dei partecipanti. In questa fase conoscitiva, verranno raccolti dalla terapista i bisogni della famiglia e comprese le caratteristiche del funzionamento del bambino.

L’attività prevede la creazione di giochi semi-strutturati dall’adulto: movimento ed emotività vengono messi in atto dai bambini spontaneamente e l’adulto partecipa con loro in un incontro pensato per la crescita e maturazione degli aspetti più fragili.

Gli incontri si suddividono in tre fasi distinte:

  • accoglienza iniziale: in cerchio, per presentarsi e conoscersi. Spazio di ascolto, racconto, condivisione di esperienze
  • momento di gioco: bambini condotti dall’adulto alle esperienze di gioco con i materiali disposti
  • rilassamento e saluto finale: viene riordinato lo spazio e permesso al corpo un momento di distensione e calma a seguito dell’attività

In ogni seduta la neuropsicomotricista allestisce lo spazio con materiali che permettono la sperimentazione spontanea dei giochi nella stanza e lo sviluppo di attività. Le proposte allestite sono adeguate alle competenze motorie, emotive e cognitive delle diverse fasce d’età.

Un corso ideato per i bambini dai 3 agli 8 anni e con lo scopo di affrontare difficoltà e fragilità nella relazione e interazione con l’altro, disturbi affettivi-relazionali, disturbi comportamentali e dell’autoregolazione emotiva, impaccio e ritardo psicomotorio.

Giorni e date definire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post